Logo San Marino RTV

Le sconfitte del Team Usa

7 lug 2020
Le sconfitte del Team Usa

Nel basket esistono due competizioni mondiali per le nazionali, olimpiadi e mondiali. Il 1992 fu il primo anno in cui gli Stati Uniti si presentarono con i giocatori della NBA, perché si erano resi conto che i migliori giovani universitari non erano più sufficienti per vincere. Negli ultimi ventotto anni il team USA è sempre stata la squadra favorita di ogni manifestazione tranne l’anno scorso ai mondiali 2019, perché hanno mandato a giocare giocatori non troppo rilevanti in NBA. L’anno scorso gli USA hanno raccolto un settimo posto, rimediando due sconfitte contro Francia e Serbia. Ma fino ad allora gli USA, nonostante non abbiano sempre mandato a giocare i propri migliori fuoriclasse, sono sempre stati dati per super favoriti. Ci sono state volte però in cui nemmeno alcune delle migliori stelle della NBA sono state sufficienti per vincere. La prima caduta degli dei fu ai mondiali 2002 giocati proprio negli USA. In semifinale dovettero arrendersi alla Serbia. Lo smacco fu tremendo, considerando che fino a quei tempi gli stranieri in NBA erano visti come provenienti da pianeti di livello inferiore. Ai giochi olimpici di Atene 2004 gli USA furono eliminati dall’Argentina e se una sconfitta due anni prima poteva essere considerata un’incidente di percorso, due consecutive erano davvero inammissibili. Nel 2006 arrivò addirittura la terza sconfitta consecutiva per gli USA sempre in semifinale, questa volta per mano della Grecia. Si arrivò addirittura a pensare che il campionato NBA non fosse più la lega dei marziani, ma poi dal 2008 in poi gli USA ristabilirono le gerarchie e fino all’anno scorso non persero più nemmeno una partita, anche perché i giocatori capirono che il livello degli altri paesi era salito e le competizioni per nazionali andavano prese col massimo impegno. Quelle sconfitte furono importanti per il basket in generale, perché segnarono la totale apertura della NBA verso stranieri di tutte le nazioni e furono un ottimo incentivo per gli altri paesi a puntare di più sul basket.

Andrea Renzi