Logo San Marino RTV

A Marco Manzini il premio pesarese della rinascita

20 giu 2020
A Marco Manzini il premio pesarese della rinascita

Un grande tifoso e amico della VL che è il simbolo della rinascita di Pesaro dopo la pandemia. Si è svolta nei giorni scorsi presso la Sala Rossa del Comune di Pesaro la premiazione di Marco Manzini, molto noto in città e che durante il lockdown non ha mai smesso di allenarsi praticando il suo sport, il taekwondo. Marco nel corso della fase di emergenza causata dalla pandemia da Coronavirus ha dimostrato una grande forza di volontà. Il sindaco di Pesaro Matteo Ricci lo ha premiato con il city brand della città e con il Premio Pesarese della Rinascita. Alla cerimonia di premiazione sono intervenuti anche il Presidente della Federazione Italiana Taekwondo Marche Marco Porcarelli insieme al Presidente del Consorzio Pesaro Basket Luciano Amadori, oltre al giocatore della Vis Pesaro Lorenzo Paoli, al consigliere regionale Andrea Biancani e all’allenatore Luca Fontana. Marco ci racconta le emozioni provate per la consegna di questo premio di grande significato per lui e per la città di Pesaro: “Sono molto felice, la vita non ti regala mai nulla ma con i sacrifici e il duro impegno tutto viene ripagato. L’importante è credere in se stessi. Ringrazio tutti coloro che sono intervenuti e che ogni giorno sono al mio fianco. Per me da pesarese è un orgoglio aver ricevuto questo premio. Ringrazio il Sindaco e non vedo l’ora di tornare alla Vitrifrigo Arena per tifare VL. Il mio obiettivo è arrivare a Tokyo dove l’anno prossimo si disputeranno le Paralimpiadi”. Alla premiazione non è voluto mancare anche uno dei suoi amici più stretti e che tutti i tifosi biancorossi e più in generale appassionati di basket conoscono molto bene: Carlton Myers. “Marco è un ragazzo pieno di forza di volontà ed entusiasmo. Riesce a guardare la vita in modo fantastico e lo dimostra ogni giorno. Non solo, ma è ancor più straordinario dato che con la sua grande tenacia ottiene ottimi risultati anche nel taekwondo”. Insieme a loro era presente anche il medico sociale della VL Piero Benelli che affianca Marco per il lavoro in palestra insieme al suo centro di riabilitazione e poliambulatorio Fisioclinics Pesaro: “Mi ha chiesto un aiuto per andare a caccia del suo sogno che sono le Paralimpiadi di Tokyo dell’anno prossimo. Ci stiamo dedicando a un programma di lavoro sull’equilibrio e sulla rieducazione del cammino cercando di migliorare la sua performance sportiva e anche la sua qualità di vita. Ci conosciamo da anni, è un grande appassionato di sport e ora sta conquistando grandi risultati”.