Logo San Marino RTV

Coronavirus a San Marino: 11 nuovi casi positivi, 5 guariti. Online il servizio per chiedere ricette

6 apr 2020
Gabriele Rinaldi
Gabriele Rinaldi

Gli aggiornamenti sul coronavirus a San Marino dal Gruppo di coordinamento per le emergenze sanitarie. Presenti il dirigente dell'Authority Sanitaria Gabriele Rinaldi, il Segretario agli interni Elena Tonnini e Filiberto Casali, responsabile del Servizio Informatico ISS.

Per il terzo giorno consecutivo non si registrano decessi e si contano 5 nuove guarigioni che portano il totale a 40. Ci sono però 11 nuovi positivi sui 59 tamponi arrivati. Di questi 8, sottolinea Rinaldi, sono riconducibili a contatti con persone che si trovavano in regime di isolamento. Dal dirigente dell'Authority quindi un nuovo richiamo al rispetto delle regole. Diventano quindi 205 i malati. 49 le persone ricoverate in ospedale, di cui 14 in rianimazione, 35 in degenza. 156 sono invece i pazienti seguiti a domicilio. Non ci sono nuove dimissioni. 423 le quarantene attive (38 riguardano personale sanitario, 7 le forze dell'ordine).

Rinaldi chiarisce che se un isolamento domiciliare viene effettuato correttamente rimane la prima scelta, altrimenti tutte le altre possibilità, come il trasferimento a strutture idonee, rimangono aperte. Parlando dell'attività dei sanitari sottolinea che "ci sono persone che hanno sacrificato la loro salute per curare le persone", ma si cerca di fare di più in modo da curane il più possibile. "I reparti, sottolinea, stanno lavorando nel miglior modo possibile". Rispondendo ad una domanda chiarisce che al momento sul Titano si stanno facendo controlli su coloro che avevano sintomi meno gravi nella fase iniziale del contagio, per controllare lo stato attuale della malattia e i contatti intrapresi.

Filiberto Casali presenta un nuovo servizio per la richiesta di prestazioni ai centri sanitari, direttamente online sul sito dell'ISS nella sezione servizi online. Il sito permette di chiedere il rinnovo di ricette, ordinarie o ripetibili al medico. Una volta compilata la ricetta online sarà possibile ritirarla direttamente in farmacia.  "Si tratta di un primo passo", precisa, in futuro verranno introdotte nuove tipologie di servizi relativi alla medicina generale

Il Segretario Tonnini dichiara che c'è la volontà di intervenire a brevissimo" per dare una serie di risposte a tutti i vari settori che stanno sollecitando riguardo all'obbligo di chiusura, ma anche alle famiglie. Si prevedono interventi emergenziali che vanno a dare una risposta all'emergenza sanitaria e a tutelare la collettività. I prossimi saranno in favore dei comparti economici, ma con l'impegno da parte del governo di lavorare in un'ottica di ripartenza. La ripartenza, precisa, dovrà tenere conto dello sviluppo del contagio e vedrà la cittadinanza e operatori impegnati nella convivenza con il coronavirus. Si tratta di una fase che andrà gestita in concomitanza con l'Ospedale. Ai dirigenti della Pubblica dell'Amministrazione è stato chiesto di indicare un minimo di interventi per garantire l'operatività. Chiarisce che la PA, al momento, è ridotta a un ottavo della sua attività, con la relativa retribuzione decurtata. A livello di istituzioni il congresso di stato si riunisce con canale telematico. La segreteria istituzionale si sta attivando per usare la sala del Kursaal per tornare a riunire ad aprile il Consiglio Grande e Generale, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie. Si valutano anche altri sulle procedure minime, come è stato fatto per le istanze d'arengo. Recentemente si sta valutando l'apertura di uffici strategici per quanto riguarda il comparto economico come Ufficio tributario e Ufficio del registro, mantenendo le prescrizioni sanitarie.

Vai al comunicato del Gruppo di Coordinamento Iss