Logo San Marino RTV

Bilancio di assestamento: la CSU critica il Governo sia nel metodo che nel merito

Ieri l'incontro in videoconferenza fra il Segretario di Stato alle Finanze e gli esponenti della Centrale Sindacale Unitaria. Sull'emissione di titoli del debito pubblico – afferma la CSU - “non accettiamo blitz"

26 mag 2020

“Su temi così delicati non accettiamo atti unilaterali”. E' una posizione ferma, quella espressa dai vertici della CSU, nell'incontro di ieri con il Segretario di Stato alle Finanze. Dito puntato, innanzitutto, sul metodo adottato dal Governo: ovvero l'iscrizione del bilancio di assestamento, ai primi punti della prossima sessione consiliare; e questo – sottolinea il Sindacato – senza aver convocato alcun “incontro preliminare con le parti sociali”.

Nella videoconferenza con Marco Gatti ci si è soffermati in particolare sull'articolo, del progetto di legge, che prevede la possibilità per il Congresso di emettere titoli del debito pubblico da collocare sul mercato internazionale fino ad un massimo di 500 milioni di euro. Ma tutto ciò, secondo il Segretario CSdL Tamagnini, porterebbe ad un “forte e ulteriore indebitamento per lo Stato”; ci si appresta inoltre ad assumere questa scelta – ha aggiunto – in un “periodo di limitazione della democrazia per gli effetti del Covid”; e nel quale – evidenzia la CSU – le forme di protesta sono di fatto “non praticabili”. La Centrale ricorda poi che con il recente peggioramento del “rating” di San Marino, vi è il “concreto rischio che il tasso di interesse applicato sia più penalizzante”. I proventi dell'emissione, inoltre – viene fatto notare -, solo in parte fornirebbero liquidità per il sistema Paese; una quota contribuirebbe infatti a ridurre il debito interno, mentre un'altra andrebbe a coprire i debiti di Carisp.

Dal Segretario CDLS Montanari è arrivato allora un altro appunto all'Esecutivo: “la mancanza di un progetto complessivo” per il settore bancario. La CSU, a tal proposito, ritiene indispensabile un approfondimento del confronto sulla “mission di BNS” e la conseguente gestione sistemica degli NPL. Gli incontri richiesti dal Sindacato sull'assestamento di bilancio, iniziati venerdì con le forze di Opposizione, proseguiranno domani – al Kursaal - con i rappresentanti dei Partiti di Maggioranza.