Logo San Marino RTV

Consiglio europeo straordinario: braccio di ferro, a Bruxelles, su Recovery Fund e Bilancio

Le visioni su un possibile accordo sono contrastanti; con i Paesi del Nord ad insistere affinché l'accesso a sussidi o prestiti sia accompagnato a riforme strutturali

17 lug 2020

In gioco, è stato detto, vi è il futuro dell'Europa; perché l'intento della due giorni non è solo quello di favorire la ripresa post-covid; ma anche di pianificare un avvenire tecnologico, verde e sostenibile per il Continente. A giudicare dalle parole di Mark Rutte – tuttavia – la strada è in salita. Il Premier olandese – capofila dei “falchi” – ha dichiarato di vedere “poco meno del 50% di possibilità” per un'intesa sul Recovery Fund: dossier considerato strategico per la ripartenza. Sul tavolo di Primi Ministri e Capi di Governo anche un tema strettamente connesso: il budget europeo dei prossimi 6 anni. E proprio su questo punto è giunta una proposta da uno dei cosiddetti Paesi frugali – la Danimarca – che potrebbe favorire una mediazione sulla trattativa più divisiva. L'ipotesi è quella di una riduzione di 24 miliardi del bilancio dell'Unione. Piccola contrazione, si potrebbe dire. Ma qualora il taglio passasse vi sarebbe forse una maggiore disponibilità, dei Paesi più “rigoristi”, ad accettare una compromesso che accontenti tutte le parti sul Recovery Fund. In ballo un pacchetto di 750 miliardi tra trasferimenti a fondo perduto e prestiti; quale sia, percentualmente, la ripartizione, è però tutto da definire. “La linea rossa italiana – aveva dichiarato il Premier Conte all'arrivo a Bruxelles - è che la risposta sia adeguata ed effettiva”. Ma le visioni su un possibile accordo sono contrastanti; con i Paesi del Nord ad insistere affinché l'accesso a sussidi o prestiti sia accompagnato a riforme strutturali. Concorde la BCE. Christine Lagarde si è detta comunque certa che il “Recovery and Resilience Fund arriverà”. Nel frattempo i negoziati continuano. Gli incontri del Consiglio Europeo Straordinario proseguiranno anche nella giornata di domani.