Logo San Marino RTV

Ucraina: situazione sotto controllo nel Paese, ma tanti i cittadini rimasti bloccati a Wuhan

1 feb 2020
La corrispondenza di Victoria Polishchuk
La corrispondenza di Victoria Polishchuk

Il Ministero della Salute dell'Ucraina conferma l'assenza di casi confermati di coronavirus nel nostro territorio. Pertanto, non dovrebbe crearsi il panico a seguito del dichiarato stato di emergenza globale da parte dell'OMS, dal momento che il coronavirus cinese è soprattutto una minaccia per i paesi con un sistema medico debole a cui l'Ucraina non appartiene. Oggi il controllo sui turisti negli aeroporti e nei porti marittimi è stato rafforzato in Ucraina. Il 3 febbraio la UIA (Ukraine International Airlines) lancerà l'ultimo volo dalla città cinese di Sanya per evacuare i turisti ucraini. I tour operator hanno anche annunciato il ritorno dei propri clienti dall'isola di Hainan con voli aggiuntivi; i voli diretti termineranno il 4 febbraio. In futuro, sarà possibile tornare in Ucraina dalla Cina solo di transito. Dal 23 gennaio, l'aeroporto di Boryspil opera in modalità avanzata, ad oggi nessun aereo è stato messo in quarantena. Ma lo staff dell'aeroporto è pronto a questo. Passeggeri dalla Cina sono attualmente sottoposti a controllo medico per misurare la temperatura. Nel prossimo futuro nei laboratori ucraini sarà sviluppato un proprio test per il rilevamento rapido della malattia. L'NSDC, il Consiglio di sicurezza nazionale e di difesa dell'Ucraina ha già stimato che ci sono circa 10.000 ucraini rimasti in Cina. 50 di questi si trovano nell'epicentro dell'epidemia - Wuhan. Non c'è modo di evacuarli, poiché la città è stata posta in quarantena.

Dall'Ucraina Victoria Polishchuk.