Logo San Marino RTV

Processo Podeschi-Phua: il giudice si riserva di decidere sulla costituzione parte civile dell'Eccellentissima Camera

L'accusa è di corruzione e riciclaggio. Prossima udienza il 28 ottobre

di Luca Salvatori
30 lug 2020
Claudio Podeschi
Claudio Podeschi

Dopo lo stralcio della posizione di Biljana Baruca, prosegue il processo per l'ex Segretario di Stato Claudio Podeschi, il pokerista malese Paul Phua e la Società R.P: l'accusa è di corruzione e riciclaggio. Nessun imputato presente in aula. 

(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});

Un'udienza breve, di fronte al Commissario della Legge Battaglino, per discutere di un solo aspetto del processo: la costituzione parte civile, attraverso l'Avvocatura dello Stato, dell'Eccellentissima Camera, ovvero la possibilità per lo Stato di ottenere un risarcimento danni da Podeschi e Phua. La Procura del Fisco ha espresso parere favorevole. Il difensore dell'ex politico Dc – l'avvocato Stefano Pagliai – si è opposto ad eccezione degli eventuali danni morali derivanti dall'ipotesi di reato di corruzione. Sulla stessa linea l'avvocato Nicola Maria Tonelli, difensore di Phua e l'avvocato Gian Luca Giordani per la società R.P. Il Commissario della Legge Battaglino si è riservato la decisione che comunicherà a breve alle parti. Intanto è stata fissata la prossima udienza: si terrà il 28 ottobre e sarà dedicata alle questioni preliminari e alle istanze istruttorie.