Logo San Marino RTV

Insegnanti, Usl sui tagli agli stipendi: "Lavoro a domicilio deve essere adeguatamente riconosciuto"

31 mar 2020
Sede USL
Sede USL

L'Usl chiede di rivedere l'ultimo decreto che prevede una riduzione dello stipendio degli insegnanti. Per il sindacato, "non si è adeguatamente valutato il lavoro svolto" dal corpo docente. La chiusura delle scuole li ha costretti, si legge in una nota, "a creare quasi dal nulla una nuova metodologia di didattica a distanza", con un carico di lavoro "non previsto"  e un impegno che "non si esaurisce" con l'invio dei compiti o della videolezione. L'Usl parla poi dei disagi per le famiglie e con le strumentazioni, come le linee Internet lente. Le riduzioni non sono state condivise appieno da docenti e sindacato, scrive, nonostante la disponibilità data da una parte degli insegnanti a rinunciare ad una quota. Il lavoro a domicilio, quindi per il sindacato "deve essere adeguatamente riconosciuto".