Logo San Marino RTV

Dopo Odg legato alle dichiarazioni di Guzzetta, Cristina Albertini subentra a Terenzi

27 mag 2020

Il tour de force consiliare riparte con una nuova sessione, quella che vede la presentazione in prima lettura del progetto di legge per l'assestamento. Ieri sera, a tenere banco in comma Comunicazioni, la polemica sulle affermazioni rilasciate dal dirigente del tribunale Guzzetta, con l'approvazione dell'ordine del giorno della maggioranza in cui si invitano “dirigenti e funzionari della Repubblica ad ogni livello a tenere in debito conto, nello svolgimento della loro attività, l'importanza del ruolo ricoperto che dovrebbe essere improntato al recepimento del benessere di San Marino”.

Il capogruppo della Dc ne riassume il senso: “il ruolo esercitato – dice Francesco Mussoni -  deve essere supportato da un comportamento adeguato, il che non significa censura ma rispetto della nostra Costituzione”. Diversa la posizione di RF. “Nel momento in cui la Repubblica decide di servirsi di persone che hanno una chiara fama e che possono prendere posizione nel dibattito italiano perché ne hanno l'autorevolezza, non dovremmo avere un tono censorio” afferma Nicola Renzi. “ Non siamo dei censori – risponde Mirko Dolcini di Domani Motus Liberi – si chiede soltanto che dirigenti e funzionari portino il loro contributo per migliorare e rendere più collaborativi i rapporti tra le varie istituzioni”. Un richiamo doveroso per Gian Nicola Berti di NPR, una questione di rispetto di ruoli ed istituzioni, ribadisce Gian Matteo Zeppa di Rete. Libera si astiene.  “Se si può condividere il principio della cautela nelle dichiarazioni pubbliche rilasciate da funzionari e dirigenti - dice Eva Guidi - è importante chiarire alcuni aspetti per avere una visione più ampia”.

Ieri sera, dunque, si è chiuso il Comma Comunicazioni e oggi se ne apre un altro. All'indomani dei funerali di Gian Franco Terenzi, giurerà in sua sostituzione Cristina Albertini.