Logo San Marino RTV

Coronavirus: a San Marino torna a riunirsi il coordinamento

170 morti, mille nuovi contagi. Primi casi in India a Filippine

30 gen 2020
Ospedale di San Marino
Ospedale di San Marino

A San Marino domani mattina nuova riunione del coordinamento per le emergenze sanitarie, composto da direzione Iss, Authority e protezione civile. L'incontro avrà sul tavolo anche il documento che invierà l'OMS, che oggi a Ginevra ha riunito i super esperti sulla diffusione del contagio. A proposito di numeri è fermo a 170 quello delle vittime del coronavirus, mentre i casi accertati sono saliti a 7.711. Due casi sospetti, una coppia cinese di Hong Kong con febbre alta, sulla nave Costa Crociere ferma al porto di Civitavecchia, ha costretto in giornata 6mila croceristi ad uno stop forzato ma il primo test si è concluso con esito rassicurante. Allarme rientrato ma l'attenzione resta alta.

E mentre la Russia ha deciso di chiudere i confini con la Cina, potrebbe slittare a sabato la partenza- inizialmente prevista per oggi- dall'Italia del volo curato dalla Farnesina per riportare a casa i circa 70 italiani rimasti bloccati a Wuhan, città focolaio del morbo. Come verranno gestiti una volta rientrati in Italia è stato indirettamente nel corso di una conferenza stampa in Regione Emilia-Romagna. La Direzione Generale Cura della persona, Salute e Welfare invita a non fare allarmismi, parla di protocollo precauzionale attivo ed informa che in base alle indicazioni internazionali e nazionali, le persone prive di sintomi che rientrano dalle aree in cui c’è il coronavirus non vanno messe in quarantena, e non costituiscono fattore di rischio per la trasmissione. In caso di diagnosi diversa il paziente viene sottoposto a isolamento nelle stanze predisposte all’interno dei Reparti di Malattie Infettive.