Logo San Marino RTV

Rifondazione attacca la nuova finanziaria

19 dic 2003
Rifondazione attacca la nuova finanziaria
Una finanziaria ingiusta ed iniqua. Così Rifondazione Comunista giudica il documento appena approvato dal Consiglio Grande e Generale denunciando quella che ritiene una chiusura preconcetta alle sue proposte. Avevamo avanzato – sottolinea il Segretario, Ivan Foschi – 30 emendamenti, ne sono stati accettati solo 3, con una percentuale di stroncatura del 99 per cento. Se questo è il programma del nuovo governo – incalza il consigliere Vanessa Muratori – possiamo dire che è partito malissimo. Seduti al tavolo dei negoziati fino all’ultimo, i comunisti si erano riservati giudizi più puntuali al banco di prova della finanziaria ed ora confermano le loro critiche. “Abbiamo portato il nostro contributo – spiega Giuseppe Amici – ma nonostante le dichiarazioni di apertura dobbiamo affermare che non ci sono i riscontri di una svolta nella gestione della cosa pubblica. I nostri emendamenti – precisa Foschi – non avrebbero portato ad un maggior impegno di spesa dal momento che prevedevamo anche nuove fonti di entrata. Ci resta la preoccupazione – spiegano gli esponenti di Rifondazione – che il Paese non abbia di fronte una prospettiva di cambiamento. Avevamo posto – aggiungono – problemi di carattere istituzionale, economico e sociale, gli stessi indicati come fondamentali per il rinnovamento, ma ci è stato risposto picche. Quella che si è approvata – conclude Vanessa Muratori – è una finanziaria in linea con quella dell’anno precedente e conferma una tutela degli interessi forti, ricercando i tagli nel sociale e nel servizio sociosanitario.