Logo San Marino RTV

Consolare, San Marino pronta ad incontrare Anas per definire nel dettaglio alcune scelte progettuali

20 ott 2019
Consolare, San Marino pronta ad incontrare Anas per definire nel dettaglio alcune scelte progettuali
Consolare, San Marino pronta ad incontrare Anas per definire nel dettaglio alcune scelte progettuali

“Attendiamo che Anas convochi il tavolo per definire nel dettaglio alcune scelte progettuali”. Così la Segreteria al Territorio, soddisfatta del fatto che la Consolare potrà contare sull'ormai famoso stanziamento di 14 milioni di euro inserito nel contratto di programma del 2021.

Una cifra importante- ricordano- frutto di un percorso condiviso che prosegue da anni e che vede impegnati in uno sforzo comune Rimini, Coriano e la Repubblica di San Marino, costellato da numerosi incontri sia a livello regionale che ministeriale e facilitato dal poco invidiabile primato legato alla pericolosità della strada, tra le 10 più rischiose d'Italia.

"Siamo soddisfatti della collaborazione, che è già un primo obiettivo raggiunto” proseguono dalla Segreteria al Territorio, specificando anche le diverse competenze di chi siederà al tavolo che dovrebbe essere ormai in via di convocazione. Anche perché il tratto in questione è per la stragrande maggioranza di competenza di Rimini, ed il ruolo di San Marino è stato quello di avanzare proposte e idee, anche sulla base di istanze pervenute.

Ricapitolando: i primi lavori all'altezza dello svincolo per via Monte Cieco, in concomitanza alla rotonda per entrare nell'area dove sorgerà “The Market”; partiranno gli interventi alla snodo del casello Rimini sud.  Altro filone importante l'incrocio della “Grotta Rossa”: via il semaforo e possibilità di girare a sinistra, per chi arriva in direzione monte, solo attraverso la rotonda che verrà realizzata al posto del semaforo successivo.

Rimane da valutare, insieme ad Anas, la recente proposta avanzata dalla Passepartout di una rotonda che faciliti all'accesso al World Trade Center.

L'ultima parola spetterà ad Anas, che dovrà nel quadro dei famosi 14 milioni individuare gli interventi prioritari. Entro, si spera, il minor tempo possibile.