Logo San Marino RTV

Bilancio previsionale, la Csdl invia una lettera aperta ai consiglieri

11 nov 2019
Bilancio previsionale, la Csdl invia una lettera aperta ai consiglieri

La Csdl ha inviato una lettera aperta a tutti i consiglieri sul bilancio previsionale, articolata in 3 punti. In merito all'anagrafica dei debitori delle banche, “non riusciamo a comprendere tutti i dubbi che oggi sono venuti alla luce”, ritenendolo un provvedimento che possa far rientrare nel sistema almeno una parte del miliardo di euro che negli anni “concittadini e imprese hanno portato fuori confine”.  Un atto di trasparenza che darebbe l'impressione che i prestiti facili siano retaggio del passato e le banche siano diventate più virtuose. Sull'articolo relativo alla tutela dei fiducianti della SMI, la Csdl torna a far presente che “quando si votano provvedimenti a tutela delle persone meritevoli”, è necessario pensare se questo produca delle parzialità, citando i tanti lavoratori incappati nei fallimenti aziendali o il caso Fincapital. Dalla Csdl riflessioni, poi, sull'art.22 per l'istituzione del tavolo quadripartito: è frutto della situazione non ordinaria per il Paese visti i problemi che si sono accumulati e non dice che il Governo verrà commissariato. Le scelte definitivi è normale spettino a Governi e maggioranze, “cambia unicamente il metodo di confronto e il livello di condivisione con cui saranno assunte”.

Il comunicato integrale della Csdl