Logo San Marino RTV

Crisi ed incertezza per una decina di aziende sammarinesi

31 dic 2009
Aziende
Aziende
Chiusa la vicenda Puntoshop. Ricollocati 56 lavoratori in formazione professionale, come già avevano deciso i vertici aziendali e il sindacato, di cui 16 frontalieri e 40 sammarinesi. Ma è una inizio d’anno pieno di incertezza per i restanti 58; per i cittadini la prospettiva è la mobilità, mentre per i lavoratori stranieri c’è la disoccupazione. Un’operazione da 300mila euro: tanti ne ha dovuti sborsare lo Stato per pagare i dipendenti e aiutare così l’azienda a rimettersi in piedi e ripartire. La vecchia società è ora in moratoria, con debiti nei confronti dello Stato per circa 2 milioni di euro.
Il 2008 si chiude nell’incertezza anche per la sorte di altre aziende sammarinesi. Procedure di mobilità e annunci di licenziamenti sono state avviate da una decina di ditte, oltre alle pratiche già esistenti. Il taglio riguarda, al momento, circa un centinaio di lavoratori. Ma è un fronte che potrebbe espandersi nei primi mesi dell’anno.
Le previsioni che circolano in ambienti governativi parlano di almeno 400 richieste di cassa integrazione guadagni, riguardanti dunque solo lavoratori sammarinesi, a fronte di un comparto privato che impiega 14mila persone. Numero che potrebbe salire a 1000 nel corso del 2009. Sindacati e associazioni di categoria pronti al confronto già nei primi giorni dell’anno per chiedere misure urgenti al governo. Una prima risposta è stata l’istituzione a Bilancio del fondo antirecessione di sostegno a imprese e famiglie per 4 milioni e mezzo di euro.

Giovanna Bartolucci