Logo San Marino RTV

Abu Dhabi, decima città più inquinata al mondo

9 giu 2019
Abu Dhabi, decima città più inquinata al mondo
Abu Dhabi, decima città più inquinata al mondo

Nuovo record per gli Emirati Arabi, questa volta però non in positivo: in occasione della Giornata mondiale dell’ambiente, che quest’anno si è concentrata sulla qualità dell’aria, anche qui sono stati rivelati alcuni dati sull’inquinamento atmosferico. Il risultato? Secondo Greenpeace, Abu Dhabi è in cima alla classifica come città più inquinata della regione e decima al mondo per la presenza di ossidi di azoto. Prima Nuova Delhi, la capitale con più inquinamento atmosferico, seguita da Dhaka, in Bangladesh e Kabul, in Afghanistan.

E se l’Organizzazione mondiale della Sanità ci dice che lo smog provoca la morte di sette milioni di persone ogni anno, e il 100% delle maggiori città in Medio Oriente e Africa superano i livelli massimi di polveri sottili consentiti, l’ultimo Rapporto dell'Agenzia per l'Ambiente di Abu Dhabi (datato 2017) sottolinea come l'inquinamento dell’aria sia il maggiore responsabile ambientale delle malattie respiratorie e cardiovascolari negli Emirati.

Le istituzioni del Paese si sono dunque impegnate a lavorare in due direzioni: sviluppare le energie rinnovabili e migliorare i trasporti pubblici. Per Expo 2020 sarà ampliata la metropolitana di Dubai e verranno inaugurati nuovi autobus elettrici, oltre alle prime automobili a guida autonoma; mentre a Doha il mese scorso ha aperto la nuova metropolitana e a Ryad dovrebbe essere conclusa quest’anno quella che con sei linee e 176 chilometri complessivi, diventerà il più grande progetto di trasporto di massa del mondo.

Non solo automobili però: in tutta la regione anche i fattori naturali hanno il loro peso. Sempre secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, circa il 50% dell’inquinamento atmosferico deriva infatti da fonti naturali, prime tra tutte la polvere del deserto, sollevata delle tempeste di sabbia che nella parte sud orientale della Penisola Arabica, Emirati inclusi, sono aumentate del 14% negli ultimi anni. E se l’appello del WWF invita a tornare "esseri umani e a proteggere la natura" proprio in questi giorni un team di subacquei è impegnato a ripulire, da plastica e rifiuti, il Creek, l'insenatura di mare che entra del deserto, sulle cui sponde è nata Dubai, candidata ad entrare nel patrimonio mondiale dell'Unesco.